Gli sforzi dell'editore

Corriere quotidiano compie un anno, nella giungla del web difendiamo la nostra libertà

Corriere quotidiano compie un anno, nella giungla del web difendiamo la nostra libertà
Festeggiamo il nostro primo anno di vita. Lo facciamo con la massima umiltà, senza sfarzo nè arroganza, anche se oggi i numeri sono dalla nostra parte. Corrierequotidiano.it è come un neonato che comincia a muovere i primi passi nella giungla del web. La definiamo giungla perchè non tutti si attengono alle regole della professione, alla verifica delle notizie, alle applicazioni delle regole, soprattutto contrattuali. Dovrebbe esserci una regolamentazione legislativa, non fosse altro per garantire gli utenti. Un giornale cartaceo o elettronico che sia, ha il dovere di informare con correttezza verificando le fonti prima di qualsiasi pubblicazione. Purtroppo tutto questo non sempre avviene. Corriere quotidiano,it, grazie alla generosità di una redazione giovane, che ama la professione, di un ufficio tecnico straordinario, può considerarsi fuori dalla start-up e adesso cerca di mettere le radici in quelle regioni italiane dove è minore la penetrazione del giornale. Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia ci incoraggiano ad andare avanti, ma anche Emilia Romagna , Veneto e Sardegna ci chiedono maggiore informazione del loro territorio. Diciamo soltanto che arriveremo ad una copertura totale senza per questo compromettere i bilanci e gli sforzi della nostra società editrice, che, al contrario, dei colossi dell'informazione italiana, sono finanziati da banche ed allo stesso tempo dai poteri forti. Poteri forti che in Italia monopolizzano pure il mercato della pubblicità, gestendo gli interi budget di aziende nazionali e multinazionali, in grado di stritolarti economicamente facendoti mancare l'ossigeno a loro piacimento. Ed oggi Corrierequotidiano.it è sul mercato con il proprio ossigeno, perchè fin dalla nascita non ha fatto voli pindarici. Andiamo avanti a step, senza per questo chiudere le porte ad eventuali partnership per il mercato della pubblicità. Il nostro giornale non percepisce un solo centesimo di finanziamento pubblico e questo ci dà una grande forza: essere liberi e non avere condizionamenti sulle nostre scelte. Sia editoriali che giornalistiche. In casa nostra non è la politica che comanda, bensì la notizia. La notizia che i giornalisti di Corrierequotidiano.it sono in grado di inserire a qualsiasi ora del giorno e della notte. Per questo primo anno di vita, abbiamo fatto un piccolo restyling del giornale. Forse potevamo evitarlo, ma è la dimostrazione che da noi c'è tantissima voglia di fare, di migliorarci. Nell'interesse della nostra azienda, ma soprattutto per rendere il prodotto più accattivante. Adesso ci aspettiamo segnali forti da quanti ci hanno preso a cuore per continuare ad essere liberi e lontani dai potentati.
*
Corrado Maiorca